Call us toll free: +1 800 789 50 12
Top notch Multipurpose WordPress Theme!

Slide background
+
Specialista otorino
Consulenza gratuita online
Slide background
+
Patologie di naso, orecchio e gola
Otorinolaringoiatria pediatrica
Slide background
+
Esami diagnostici
La tecnologia al servizio della diagnostica
Slide background
+
Contatti e sedi
Appuntamenti a Napoli e Pescara

Dott. Francesco Berni Canani

Il dott. Berni Canani è specializzato in Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico-Facciale.

Attualmente è Dirigente Medico dell’Unità Operativa di Otorinolaringoiatria dell’Ospedale Civile di PescaraSvolge inoltre la sua professione tra Napoli e Pescara, ricevendo privatamente in entrambe le sedi.

Il dott. Berni Canani esegue esami per la diagnosi delle malattie del naso, dell'orecchio e della gola (tra cui esame audiometrico, diagnosi di vertigini e sordità, endoscopia del naso e dei seni paranasali, fibrolaringoscopia).

Realizza inoltre interventi di chirurgia del naso, dell'orecchio, delle corde vocali e della tiroide, oltre che interventi di otorinolaringoiatria pediatrica e chirurgia oncologica di testa e collo.

 

Aree di intervento

Patologie
  • Patologie del naso
  • Patologie di testa e collo
    • Oncologia della testa e del collo
  • Patologie dell'orecchio
    • Vertigini e sordità
  • Otorinolaringoiatria pediatrica
    • Adenoidi e tonsille
  • Disturbi della voce

>> Vai alla sezione

Diagnostica
  • Esame audiometrico
  • Esame impedenziometrico
  • Diagnosi e cura delle sordità e delle vertigini
  • Diagnosi endoscopica delle malattie del naso e dei seni paranasali
  • Fibrolaringoscopia

>> Vai alla sezione

Chirurgia
  • Chirurgia della sordità e delle malattie dell'orecchio
  • Chirurgia ORL pediatrica
  • Chirurgia delle corde vocali
  • Chirurgia della tiroide e delle ghiandole salivari
  • Chirurgia del naso funzionale ed estetica
  • Chirurgia oncologia della testa e del collo

Consulenza gratuita online

Il dott. Berni Canani è disponibile per consulenze specialistiche gratuite on-line.
Invia la tua domanda scegliendo tra le diverse aree tematiche, dalle malattie del naso e della gola all'otorinolaringoiatria pediatrica.

Il servizio è puramente informativo. I consigli forniti non possono e non devono sostituire il rapporto con il proprio medico curante.

Fai la tua domanda

Articoli recenti

I 10 consigli per un udito sano

I 10 consigli per non diventare sordi La chiave per mantenere in buona salute il nostro organo dell’udito è conoscere a quale intensità sonora si è esposti quotidianamente. Una “dieta per il rumore” è in grado di proteggere l’udito da problemi futuri. Molti casi di sordità sono legati ad un danno delle cellule ciliate dell’orecchio interno ( Organo del Corti ).  Il danno, spesso permanente, può essere causato dall’esposizione a rumori intensi, motivo per il quale prevenire l’esposizione a stimoli sonori intensi rappresenta la misura essenziale per evitare danni uditivi. Più alto è il suono a cui si è esposti, minore dovrebbe essere il tempo di esposizione. Solo perché un suono non risulti a noi fastidioso non significa che non sia dannoso. Nel passato le cause di sordità da esposizione a rumore intenso erano rappresentate da sorgenti sonore “lavorative”, queste ultime, grazie alla legislatura vigente, sono state in gran parte eliminate. In questi ultimi anni il problema emergente è rappresentato dall’esposizione al rumore “ ricreazionale” come l’utilizzo dei lettori musicali digitali MP3, la frequentazione di club e discoteche e l’uso di telefoni cellulari. Ed ecco spiegato il motivo per il quale le sordità da rumore sono sempre più frequenti fra i […] Read more!

Turbinoplastica con le radiofrequenze. Una tecnica mininvasiva

L’ostruzione respiratoria nasale riconosce  molteplici cause  quali la deviazione del setto      nasale, l’ipertrofia dei turbinati, la poliposi nasale, la stenosi della valvola respiratoria e la  rinite allergica.  Un attento esame endoscopico della cavità nasale  può evidenziare una  ostruzione respiratoria legata ad una ipertrofia dei turbinati nasali che da temporanea ben  presto può degenerare in una forma cronica e resistente ai comuni farmaci decongestionanti nasali. COSA SONO I TURBINATI: I turbinati sono tre “sporgenze ossee” situate in ogni fossa nasale e sono formati da una piccola “lamina” di osso che sostiene  un tessuto spugnoso (corpo cavernoso o erettile), ipervascolarizzato a sua volta ricoperto da un epitelio respiratorio ricco di cellule produttrici di muco. LE CAUSE DELL’IPERTROFIA DEI TURBINATI: Le allergie nasali, le infezioni ripetute del naso e dei seni paranasali, l’inalazione abituale di alcune sostanze irritanti negli ambienti di lavoro, il fumo e l’utilizzo continuo di gocce nasali (vasocostrittori) determinano uno stato infiammatorio cronico  che causa aumento di volume dei turbinati TERAPIA CHIRURGICA: Una soluzione “mininvasiva” a questo disturbo è rappresentata dalla turbinoplastica con le radiofrequenze. La procedura è di breve durata, non prevede anestesia generale e non prevede tamponi nasali. L’anestesia è somministrata attraverso l’applicazione nelle cavità nasali di un anestetico […] Read more!

La valutazione dell’udito nei bambini. Quando praticare un esame audiometrico e perché.

    Ai test di screening uditivi neonatali attualmente utilizzati possono sfuggire i    bambini che presentano forme di ipoacusia progressiva o ad insorgenza  tardiva e le neuropatie uditive. Stime eseguite in alcuni  Paesi europei  suggeriscono che la percentuale di ipoacusie che si sviluppano dopo il periodo  neonatale, e che non possono pertanto essere identificate con il test di screening,  possa rappresentare fino al 20-25% del totale. È  consigliabile che i bambini che  hanno sviluppato una delle condizioni riportate nella tabella 1 siano inviati ad uno  specialista ORL per una valutazione accurata.   Tabella 1: Fattori di rischio per ipoacusia ad esordio tardivo che possono presentarsi nel periodo post-natale. Infezioni post-natali associate con ipoacusia neurosensoriale, incluse la meningite batterica e virale (soprattutto da herpes virus e varicella). Traumi cranici, soprattutto fratture a carico del basi cranio e dell’osso temporale che richiedono ricovero in ospedale. Otite media essudativa (OME) ricorrente o persistente per più di 3 mesi. Terapia con farmaci ototossici (soprattutto chemioterapici amino glicosidici). Preoccupazione degli educatori riguardo l’udito, la percezione verbale, lo sviluppo del linguaggio o ritardi di sviluppo psicomotorio. Le forme postnatali ad esordio tardivo rappresentano il 20-25% delle sordità bilaterali del bambino. Dai dati presenti negli studi scientifici […] Read more!

Alitosi persistente. Quali cause ? Cosa fare ?

Per alitosi si intende l’emissione di aria maleodorante con il respiro e la fonazione. E’ un problema che può compromettere gravemente la vita sociale di una persona e si calcola che nel mondo circa il 50% della popolazione soffre, in maniera più o meno marcata, di tale disturbo. L’alito, costituito dall’aria che si espira, è formato da vapore acqueo, alcuni gas e scorie microscopiche che, in soggetti sani e che non trascurano l’igiene orale, risulta essere inodore. La causa dell’odore cattivo è da ricercarsi,nella maggior parte dei casi, nella bocca. Nel cavo orale ci sono alcuni ceppi di batteri anaerobi (cioè che proliferano in assenza di ossigeno)  che in determinate condizioni producono gas a base di zolfo (chiamati composti volatili solforati o CVS).Tali batteri vivono nella bocca pertanto i gas emessi provengono dalla bocca. L’azione metabolica di tali microrganismi  provoca la putrefazione delle sostanze organiche, principalmente proteiche, contenute nella saliva, nei residui alimentari, nelle cellule di sfaldamento della mucosa orale, nel sangue libero eventualmente presente in caso di gengivite, parodontite o soluzioni di continuo delle mucose.   ESISTONO DIVERSI TIPI DI ALITOSI: 1) l’alitosi transitoria . E’ quella tipica di alcuni momenti della giornata ed è provocata da stati fisiolgici […] Read more!